Creiamo "Altro"...

mercoledì 30 gennaio 2013

Capire cos'è giusto e cos'è ingiusto?


Capire cos'è giusto e cos'è ingiusto?
Se ci relazioniamo al grande schema delle cose per capire la nostra realtà e pensiamo razionalmente alle origini del tutto, si potrebbe partire dal presupposto che la nostra realtà provviene da una unificazione del tutto (teoria del tutto).
Un uno originario che poi si duplica in tanti uno ,cosi come il fenomeno che si presenta quando una lastra di vetro di un ologramma si frantuma: ogni pezzetto ha in sè tutte le informazioni della lastra intera... e da cui tutti facciamo parte. Un uno, vale a dire, che ci racchiude tutti e ci connette inevitabilmente.
Per comprendere la realtà in questo contesto di "uno in ognuno di
noi" sembra che sia più funzionale  come criterio di lettura considerare il fatto di agire per il proprio beneficio e per le proprie immediate gratificazioni o il fatto di agire per il beneficio di tutti compresi noi stessi.

 Si può anche definire in un altra maniera questo modo di agire come
 "servire se stessi" o "servire altri compresi noi stessi".
Per capire se una azione sia giusta o sia ingiusta bisogna sempre considerare la situazione. Una grande donna come Irena Sendler che rapiva e portava via i bambini dai genitori per un suo egoismo avrebbe fatto teoricamente un azione ingiusta; ma siccome l'ha fatto per salvarli da un destino crudele, ha fatto un'azione giusta.  La grande Irena Sendler magnifico Essere Umano donna ha tratto in salvo ben 2500 bambini ebrei da morte certa. In questa situazione rapire e portare via dei bambini dai loro genitori, mentendo e disobbedendo alle autorità, diventa appunto una azione giusta.

 La stessa azione in una situazione diversa, come, ad esempio, il rapimento di un
 bambino da parte di un pedofilo per una propria gratificazione
 immediata sarebbe stata un azione ingiusta.

 L'antica idea Celtica del bene e del male ci indica che esiste il bene
 ed che esiste il male e che poi c'è una terza forza che è la situazione
 specifica che determina che cosa è bene e che cosa è male ed è per
 questo che la stessa azione in una situazione può essere giusta ed in
 un altra situazione può essere ingiusta.

 Poi abbiamo la questione della manipolazione. Se si fa qualsiasi cosa
 verso un altra persona con l'idea di manipolarla a sua insaputa e
 segretamente per il proprio beneficio questa diventa sempre un azione
 ingiusta.

 Guardare prima alla situazione per vedere se l'azione serve sè stessi
 o serve tutti è un importante modo di vedere la realtà, ma  è sempre
 necessario ricordarsi che c'è il bene, c'è il male e c'è la situazione
 specifica che diventa il parametro che determina se è bene o se è
 male...


Nessun commento:

Posta un commento